Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali
This is SunRain Plone Theme
Tu sei qui: Home / proposte di lettura / recensioni / libri consigliati - elenco completo / 2017 / Giugno / Che cos'è la conoscenza? Un universo in espansione

Che cos'è la conoscenza? Un universo in espansione

"L'uomo non può diventare uomo fuorché mediante l'educazione. Egli sarà quale essa lo farà". I. Kant

Qual'è stato il significato ontologico di quel momento della storia, descritto nell'impressionante incipit cinematografico di 2001 Odissea nello spazio, in cui la scimmia decide di impugnare un osso femorale, di brandirlo verso il cielo, e di servirsene? Risponde Franceschini: in quella traduzione laica ed illuministica della scena della profanazione dell'albero biblico del bene e del male, quella scimmia, causando con ciò una colossale discontinuità spazio-tempo, è arrivata, per la prima volta, ad assaporare la conoscenza, rimanendo inebriata dal potere che ne deriva. Ma, così facendo, quella scimmia ha anche stabilito il punto d'inizio dell'avventura culturale umana. E non basta: in quello stesso momento, rivendicando per mezzo di un osso - destinato nelle epoche successive a diventare un potentissimo strumento tecnologico - la sua supremazia sul gruppo e affermando la sua volontà, con la minaccia e la violenza, per sottomettere altri individui e altri gruppi, quella stessa scimmia ha cominciato a scegliere, incamminadosi sulla via della distinzione dei concetti prima e dei valori poi, iniziando così da zero la "costruzione sociale della reltà". Nello stesso momento, sul piano metafisico delle idee, quella scimmia ha pure stabilito la perfetta intimità, se non ancora identità, tra conoscenza produttiva, conoscenza obiettiva e conoscenza etica. Oggi, infatti, attraverso secoli di speculazione filosofica, la gnoseologia della conoscenza ci assicura che logica ed etica, giustizia e verità, razionalità e spiritualità sono indissolubilmente legate in un ininterrotto processo dinamico dove l'una è presupposta dall'altra, come ampiamente dimostrato dall'avvento delle religioni, delle scienze e delle arti. Se, però, è provato che tutte le galassie della conoscenza si originano nel cervello sotto forma di infinitesimali impulsi elettrochimici tra reti di neuroni, appurato che queste facoltà non vi risiedono se non sotto quella basilare forma, sorge spontanea una fondamentale domanda: dove si forma esattamente la conoscenza? O meglio: esiste una gerarchia tra percezione, apprendimento, memoria, intuizione e conoscenza? In quale rapporto stanno le conseguenze etiche della conoscenza e l'educazione ? In che modo l'evoluzione ha permesso all'uomo di capire che la trasmissione della conoscenza utile alla vita, alla sopravvivenza e alla riproduzione non è sufficientemente garantita dal semplice scambio genetico di informazioni tra individui? Come lo stesso ha compreso, a tal fine, che per completare il processo infomativo attraverso una via esterna, occorreva prima un linguaggio orale, poi una codificazione di quello scritto, e infine l'organizzazione e l'interconnessione delle informazioni in discipline, scienze, saperi? Riassumendo: che cos'è la conoscenza? E se, applicandone la definizione ingegneristica di "informazione organizzata disponibile all'uso", cioè di strumento operativo per ridurre l'incertezza in merito a diverse alternative possibili in una data sistuazione, dove informazione sta per "variabile non deterministica del campo comunicativo", possiamo dire che la conoscenza è indispensabile all'esistenza? E se lo è, tenuto conto - come sopra postulato - che la produzione di conoscenza è un processo inesauribile e sempre imperfetto, la conoscenza potrà infine essere vera conoscenza? E volendo fare un passo oltre, pur cercando di evitare "l'isteria fantascientifica del post-umano", la conoscenza, e l'insegnamento di questa, sono proprio competenza esclusiva della nostra specie? Ancora Franceschini: "così come l'informazione è una caratteristica fondamentale della natura, più antica della vita stessa, avendole la vita soltanto impresso un'accelerazione, allo stesso modo la conoscenza non è un prodotto della nostra specie: la conoscenza ci ha preceduto e ci sopravviverà".

Che cos'è la conoscenza? Un universo in espansione di Giuliano Franceschini, Mimesis 2017
Prenota su LeggerePiace.

Davide - bibliotecario
#novità

Share |