Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali
This is SunRain Plone Theme
Tu sei qui: Home / proposte di lettura / recensioni / libri consigliati - elenco completo / 2017 / Marzo / Una storia d'amore: due vite legate dai fiori

Una storia d'amore: due vite legate dai fiori

Un libro delicato e puro, semplice ma appassionato, leggero ma consistente: il racconto di Hyacinthe e Rose, sposi da quaranticinque anni, uniti da un'unica, vera, intima passione per i fiori.

E se fossimo diventati incapaci di provare stupore per il fatto che siamo al mondo? Se, un pò come spenti, non provassimo più alcuna sopresa prendendo tra le dita un fiore? Se non ci mettessero più alcuna curiosità i suoi colori, la sua forma e il suo profumo? Questa, in definitiva, sembra essere la domanda. Questa potrebbe essere la ricerca interiore che sottende l'eziologia di Una storia d'amore.
Perchè, se così malauguratamente fosse, allora potremmo fare davvero molta fatica a riuscire a comprendere che cosa avevano in comune due persone che pur essendo marito e moglie (con la sincerità -giurata per la vita- di un intenso amore) avevano una concezione completamente diversa dell'esistenza. Il racconto di Hyacinthe e Rose, sposi da quaranticinque anni, alle prese con tutte le difficoltà che comporta l'esser lui un vecchio miscredente e lei un'attempata fervente cattolica: la loro vita riassunta da uno dei loro nipoti, prima fanciullo e poi adolescente, ospite per le vacanze estive di questi amatissimi nonni nella campagna della Loira. Due vite distinte, mai lontane, un solo profondo affetto. Un'unica vera, intima passione per i fiori: fiori del giardino e fiori di campo, fiori coltivati e fiori spontanei, fiori sontuosi e fiori poveri, fiori timidi o fiori prorompenti. Fiori che hanno fatto cantare: "Non ti scordar di me, la vita mia legata è a te... c'è sempre un nido nel mio cuor per te... non ti scordar di me!". Fiori come quelli che il gamin de Paris portava alla giovanissima madre nella struggente Les roses blanches di Edith Piaf. Fiori ad onorare la loro stessa bellezza e prima ancora a riconoscere quella che nell'universo li ha pensati, voluti e fatti sbocciare. Fiori per dichiarare ciò che si può dire regalandoli, fiori che accompagnano la vita che nasce, che scorre e che finisce, fiori che restano a ricordare e che fanno ricordare.
Un libro delicato e puro, semplice ma appassionato, leggero ma consistente perchè a questo esile spessore di fogli, scritto con il tratto sapiente, ironico, non stucchevole, non melodrammatico dello sperimentato autore Morel, un uomo di spettacolo ha affidato alcune delle sue più care personali memorie.
Le floreali tavole illustrate di Jarrie, acrobata del disegno e artista del colore, sono di un gusto, di un'eleganza e di una precisione emotivamente vicini a quelli dei grandi maestri della pittura spaziando dall'espressionismo lirico di Kandinskij all'utopico-surreale di Magritte.

Una storia d'amore: due vite legate dai fiori di François Morel e Martin Jarrie, Salani 2012
Prenota su LeggerePiace.

Davide - bibliotecario
#argomentodelmese

Share |